You are currently browsing the monthly archive for settembre 2008.

IN CUI SI PARLA DI UNA FOGLIA DI PLATANO 

Nel vagone si sta stretti come sardine ma c’è mancanza di olio.

Lui pensa a cosa c’è sopra la sua testa.

Non i capelli, e nemmeno il tetto del vagone, e nemmeno la volta della galleria, o la terra e i sassi il cemento i lombrichi che scavano e ghiaia mattoni cavi elettrici putrelle. No.

Lui pensa al manto stradale ancora più sopra. E sul manto stradale a una foglia secca di platano. Ha pochi secondi per pensare a quella foglia, che si sta già allontanando mentre la metropolitana si rimette in moto. Ha solo un attimo per pensare che quella foglia di platano è stata tra le dita di una ragazza che non incontrerà mai. Lei l’ha tenuta tra le dita per qualche secondo, poi l’ha lasciata cadere, all’ingresso del parco. Il vento ha fatto il resto.

Leggi il seguito di questo post »

Leggi il seguito di questo post »

 

Seduto con le spalle al

sole mi piace seguire

con le unghie l’onda

incerta del mento

sfiorarti appena il sangue

Leggi il seguito di questo post »

 

Eccomi, ti porto l’origine della Terra. Mi tremo il nome tuo nella bocca.
Vieni a diventarmi chi tu sei, mio granello innato. La veglia delle braccia
affoga la grande Superficie delle tue dita che già cominciano a zoppicare
di mai carezze scure, e come la guerra combattimi: ora voglio morirti nella mano.

Leggi il seguito di questo post »

Miei testi tratti da “L’acqua e la pietra” ospitati da Daniela Raimondi che ringrazio veramente di cuore, e per l’ospitalità, e per la bella recensione. Qui.

La poeta Annamaria Ferramosca tra gli ospiti di “Silenzi in forma di poesia”, (11-18-25 maggio 2008), rassegna di poesia contemporanea inserita all’interno della tredicesima edizione del “Maggio Sermonetano” (Sermoneta, Latina) legge due suoi testi inediti. Performance a cura della Scuola di Tai Ji Quan del Maestro Antonio Franzé. Direzione artistica e organizzativa di Bianca Madeccia.

Leggi il seguito di questo post »

 

Volti nel tempo degli incontri

saluti degli angeli

porte immaginarie nella brezza

il vento e il tempo:

vengono ragazzine vestite d’azzurro

indossano la festa

Leggi il seguito di questo post »

 

Tremando per lo spavento penso che compirei la mia vita

Solo se avessi il coraggio di una confessione pubblica

Rivelando l’inganno mio e della mia epoca:

Ci era consentito il gracidio dei nani e dei demoni

Ma le parole pure e nobili ci erano vietate

Con la minaccia di un castigo tanto severo, che chiunque,

osasse proferirne una

Già lui stesso si considerava perduto.

 

 

 

Berkeley, 1970

 

 

 

 

 

 

(da “Dove sorge e dove tramonta il sole”, Czeslaw Milosz)

 

 

 

La poeta Lidia Riviello legge Isabella Morra. Isabella Morra nacque da famiglia patrizia nel 1520 a Favale, tra Basilicata e Calabria, l’odierna Valsinni (Basilicata), dove era il feudo familiare. Isabella Morra fu uccisa a soli ventisei anni, nel 1546, nel castello di Morra, dai fratelli.

Clip a cura di Bianca Madeccia.


 

 

 

 

 

 

 

Ineguagliabile record, salti

sincronizzati, mistificate abiezioni, 

partenza riflessa al microscopio e

reticenti doppiezze. Ho atteso tanto

che la tua voce diventasse meteora,

fuori da ingabbiature e volute sembianze

da interferenze trasmesse sull’alfabeto morse

della sincerità. Non è un caso se ti ritrovo

Leggi il seguito di questo post »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.249 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: