Non è tutto l’amore: non cibo non acqua
non sonno né tetto contro la pioggia;
nemmeno un’àncora per chi affonda e risale,
e affonda e risale e affonda ancora;
non può dare respiro a un polmone ispessito,
non pulisce il sangue e non salda le ossa rotte;
ma in molti corteggiano la morte, anche adesso,
mentre vi parlo, e solo perché l’amore gli manca.
Immobile per il dolore, in cerca di sollievo,
spinta dal bisogno, da una più antica decisione,
è possibile che un momento difficile
mi spinga a barattare il tuo amore per la pace,
o la memoria di questa notte per un po’ di pane.
Potrebbe essere. Ma non lo farò.

Testo in lingua originale

Love is not all: it is not meat nor drink
Nor slumber nor a roof against the rain;
Nor yet a floating spar to men that sink
And rise and sink and rise and sink again;
Love can not fill the thickened lung with breath,
Nor clean the blood, nor set the fractured bone;
Yet many a man is making friends with death
Even as I speak, for lack of love alone.
It well may be that in a difficult hour,
Pinned down by pain and moaning for release,
Or nagged by want past resolution’s power,
I might be driven to sell your love for peace,
Or trade the memory of this night for food.
It well may be. I do not think I would.

(Traduzione di Marilena Renda)


Edna St. Vincent Millay (1892-1950) [pseudonimo di Nancy Boyd]

QUI un abbozzo di biografia di E.S.V. Millay.

About these ads