You are currently browsing the daily archive for ottobre 26, 2007.

paginabianca.jpg

“La forma della luce divora l’incertezza di un volto, una parete”.

(Testo di Iole Toini, da “Fotografia di un nome”, foto di Bianca Madeccia)

AGITARE L’OCCHIO PRIMA DI VEDERE.

 

Vedere il nascosto è alla portata di tutti, ma la tradizione ci ha abituato a credere che solo gli Indovini, i Profeti e i Poeti vedano di nascosto. Il nascosto è spesso il Futuro, ma più frequentemente è il Presente stesso. quando si chiede ad un uomo di approfondire il suo “vedere” generalmente risponde: “io non sono un profeta”. Invece io affermo di essere profeta, non nel senso intimidatorio, eccezionale, ma nel senso che ogni uomo può coltivare il verbo Vedere. La vera utilità della poesia (Poiesis= creare) è di sviluppare agriculturalmente in ognuno le proprie facoltà poetiche. È a questo che serve la poesia.
Non è poeta chi scrive solo poemi, è poeta chi vede il nascosto (e qui che viene la grande mistificazione). La poesia è un metodo scientifico di vedere. Anche la scienza è volgarmente mistificata nelle sue applicazioni, ma il vero scienziato cerca di rivelare in senso apocalittico (rivelazione) il reale, il vero comportamento della materia.

 

(Sebastian Matta Echaurren)

Variazioni sul buio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: