Quando sono cielo un uccello scintillante

mi fende con le lame del canto.

Quando sono mare nubi focose si tuffano

nei miei specchie frangono

il cristallo del mio respiro con gemiti vermigli.

 

 Quando sono terra sento la mia carne di roccia

 consumarsi inciottoli, ghiaia, polvere finissima, nulla.

Quando sono donna, oh, quando sonodonna

i miei pozzi di sale si riempiono sempre fino all’orlo

e poesie forzano la serratura della mia gola.