L’acqua è la dannazione della pietra,

così la sconfitta si ripete attraverso i tempi.

Con la sabbia tra i denti,

la goccia batte e scava,

 e la roccia annichilita sperimenta già,

chiusa nell’orgogliosa convinzione

della propria unicità,

l’abbandono alla polvere

e il bordo acuto di una nuova forma.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato anche in: 

http://rebstein.wordpress.com/2008/01/11/con-lo-sguardo-fisso-allaltra-riva-bianca-madeccia/ 

Annunci