Oramai non saprò più

cosa di me pensasse A.

Se B. fino all’ultimo non mi abbia perdonato.

Perché C. fingesse che fosse tutto a posto.

Che parte avesse D. nel silenzio di E.

Cosa si aspettasse F., sempre che si aspettasse qualcosa.

 

Perchè G. facesse finta, benché sapesse bene.

Cosa avesse da nascondere H.

Cosa volesse aggiungere I.

Se il fatto che io c’ero, lì accanto,

avesse un qualunque significato

per  J. per K. e il restante alfabeto.

 

 

(Da Due punti, edizione Adelphi 2006) 

 

                                                                     

Annunci