In qualche altra vita

sarò qui dove mi trovo ora

abbasserò lo sguardo e vedrò il mio volto

senza sapere

cosa sto guardando.

Ma ora ti accetto

come si accetta la luna che si leva

 

Un sogno dentro un sogno

per poi sedersi qui

con un cesto di fuoco in mano

 

E il mio silenzio ora non vuol dire

– Esci pure dalla porta

tanto io continuo. –

 

Destinati a collidere

eppure

non posso deviarti

 

Mi sei vicino al cuore

 

 

 

 

(in “Roma verso Milano” – Lietocolle, 2007)