You are currently browsing the category archive for the ‘fotoscrittura’ category.

01

Molti ricordano ancora la volta celeste infiammata da oriente a occidente

il metallo infuocato crollare in verticale con forza illimitata

mentre tutta la mia vita nel suo insieme si imponeva debole

La mia infanzia lanciata sopra i cavalli tramutata in fuoco

stella ardente piena dello stesso mistero del firmamento

lì dove il sole moltiplica i riflessi dei suoi raggi

intersecata da sontuose nuvole d’oro

So bene che la visione resta stridente e sanguinosa

guardare le ruote del carro rubare il fuoco

essere la candela su cui si spengono le tenebre

stare seduti a destra o a sinistra degli dei

il fulgore di quell’idiozia tangibile e risplendente sopra le vostre teste

un bianchissimo coraggio convertito in semplicità centrale

in vampa fugace e misurabile, in quell’errore,

l’inganno dei filosofi, il sogno duro a morire

di un potere positivo

(Bianca Madeccia)

Maria Grazia Calandrone e Stefano Savi Scarpone a "Silenzi in forma di poesia 2009" in "Senza bagaglio"

LA POESIA NELLA RETE.

Spazi virtuali e immaginari poetici: il videoreading

di Bianca Madeccia

Mi è stato chiesto di scrivere qualcosa sull’argomento ‘La poesia nella rete. Spazi virtuali e immaginari poetici’, in virtù del fatto che da tre anni curo su Poecast un blog (“Epitaffi”) collegato ad un canale-archivio di Youtube (“Epitaffi in video”) specializzato in video di reading d’autore per un incontro che si terrà sabato 17 aprile a Vimercate, ore 15-19, presso la Biblioteca civica, piazza Unità d’Italia 2 g – nell’ambito della manifestazione Poesia teXtura Festival 2010. L’incontro è a cura di Sebastiano AgliecoFrancesco Marotta (gestori rispettivamente dei blog di poesia Compitu re vivi La dimora del tempo sospeso). Leggi il seguito di questo post »

 

img_3109

 

Nuvole

“(…) Non gravate dalla memoria di nulla, si librano senza sforzo sui fatti. (…) Al di sopra di tutta la tua vita e della mia, ancora incompleta, sfilano fastose così come già sfilavano. (…) Non devono insieme a noi morire, né devono essere viste per fluttuare”.

 

(Versi di Wisława Szymborska, foto di Bianca Madeccia)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: