You are currently browsing the category archive for the ‘notizie’ category.

Terza Edizione della Festa della Poesia di Roma – presso Casa della Memoria e della Storia, Sala Santa Rita, Casa dei Teatri e Teatro India

L’edizione 2012 de LA POESIA È DI CASA – LUCI DEL CONTEMPORANEO è interamente dedicata al contemporaneo e con un focus sulle nuove generazioni.   Leggi il seguito di questo post »

Annunci

SILENZI IN FORMA DI POESIA 2010, 3° EDIZIONE

Direzione artistica e organizzativa: BIANCA MADECCIA

Leggi il seguito di questo post »

Alcuni miei testi inediti in ‘Poesia’ (Crocetti) nel numero attualmente in edicola (Febbraio 2010) nella rubrica curata da Maria Grazia Calandrone.

Leggi il seguito di questo post »

Leggi il seguito di questo post »

Tempo


Copertina di “Tempo”, testo di Bianca Madeccia, foto e intervento introduttivo di Carlo Porrini, (edizioni ilfilodipartenope, Napoli, 28 maggio 2009). 

“Tempo” è un librino a tiratura limitata interamente realizzato a mano in occasione della conclusione della Prima Edizione di LIBBRO, Rassegna del libro d’Artista, dagli editori artigiani ilfilodipartenope con carta ottenuta impastando fibre di cotone con foglie dell’albero d’ulivo e rilegatura in rame.

L’albero d’ulivo è un albero sacro, caro agli dei. E’ l’albero della vita e della pace. Nella cavità e nelle fessure trovano vita e riparo pipistrelli, gechi, cervoni e insetti colorati che si cibano del legno; vi fanno il nido gufi, pettirossi e upupe, rendendo l’ulivo una nicchia biologica fondamentale. 

L’illustrazione di copertina rappresenta un uomo/albero ed è una fotografia di una pittura rupestre del territorio Dogon – in Mali (foto di Carlo Porrini).

“Che cos’è più violento, la minaccia di uno stupro per strada o una legge che decide il destino della vita e dei corpi?”, scrive Bia Sarasini nel pezzo di apertura del “Tema” della nostra Leggendaria n. 74, che sarà in libreria a partire dal 26 marzo. Esattamente un anno fa, nel febbraio 2008, avevamo Leggi il seguito di questo post »

Leggi il seguito di questo post »

Leggi il seguito di questo post »

Amnesty ed EGA pubblicano le “Poesie da Guantánamo”

 

“Questo libro contiene una serie di poesie scritte, nelle circostanze più difficili e disperate, da uomini reclusi da anni nel centro di detenzione statunitense di Guantánamo Bay, a Cuba. Le loro poesie riflettono la disperazione, la rabbia e il senso d’ingiustizia provati da persone sottoposte in modo arbitrario al durissimo regime di Guantánamo. I loro testi descrivono la sofferenza cui gli autori e altri detenuti sono stati esposti e riflettono la capacità dello spirito umano di risalire la china dalle esperienze più sconvolgenti”.

(dalla prefazione di Irene Khan, Segretaria generale di Amnesty International)

 

Per la prima volta, dopo sei anni, i detenuti e gli ex detenuti di Guantánamo prendono la parola, attraverso 22 poesie, scritte “da dietro le sbarre” da 17 autori, per denunciare la propria condizione, raccontare la propria sofferenza, ma anche e soprattutto per resistere e mantenere viva la propria coscienza.

Qui: il video di Riz Ahmed che legge “Death Poem” di Jumah al Dossari.

Qui la scheda del libro

Quaranta artisti in mostra per finanziare l’adozione a distanza di bambini palestinesi orfani o feriti.

Leggi il seguito di questo post »

Variazioni sul buio

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: